Regione Piemonte

Le convivenze di fatto ai sensi della L. 76/2016

Ultima modifica 13 marzo 2019

Riguardano sia le coppie dello stesso sesso che quelle di sesso diverso che intendano essere riconosciute come "convivenze di fatto" con i diritti e i doveri previsti dalla Legge 76/2016, comma 36 e seguenti. Affinchè sia riconosciuta la convivenza di fatto, è necessario che le parti:
- siano maggiorenni;
- siano residenti e coabitanti allo stesso indirizzo e iscritti nello stesso stato di famiglia;
- siano unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale;
- non siano vincolate tra loro da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o unione civile tra loro o con altre persone.

La dichiarazione di convivenza di fatto può essere effettuata direttamente allo Sportello Unico per il Cittadino, Via Cesare Battisti, 10 nei seguenti orari:

  • Lunedì 9.00 - 18.45
  • Martedì, Mercoledì e Giovedì 8.30 - 14.30
  • Venerdì 8.30 - 13.00

numero verde 800 370 850
il cui personale è anche a disposizione per ogni informazione o chiarimento in merito.

Diversamente, è possibile compilare il modulo allegato, che dovrà essere sottoscritto da entrambi, allegando fotocopia di documento di riconoscimento. Tale modulo dovrà essere trasmesso al Comune secondo le modalità già previste per la trasmissione delle dichiarazioni di residenza.

La dichiarazione di convivenza è subordinata all'accertamento dei requisiti. Il requisito della residenza e della coabitazione sarà effettuato entro 45 giorni con accertamento anagrafico all'indirizzo dichiarato.

I conviventi di fatto possono (non è un obbligo) stipulare un contratto di convivenza che disciplini i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune. Tale contratto è obbligatoriamente redatto con atto pubblico o scrittura privata autenticata da un notaio o da un avvocato.

Dichiarazione Convivenza
Allegato 32.00 KB formato pdf
Scarica