30° anniversario delle stragi mafiose di Capaci e via D'Amelio

Pubblicato il 23 maggio 2022 • Comune , Cultura , Giovani , Politica
Si è svolta oggi la celebrazione per il 30° anniversario delle stragi mafiose di Capaci e via D'Amelio: presso piazza Falcone e Borsellino rappresentanti dell'Amministrazione, delle Forze dell'Ordine, Autorità, Associazioni e tanti giovani e giovanissimi hanno ricordato le vittime di queste stragi e ribadito l'importanza di continuare, ogni giorno, a perseguire la legalità e la lotta contro ogni tipo di mafia.
L'evento, realizzato in collaborazione con il Presidio di Libera Orbassano "Francesca Morvillo", ha inoltre visto la partecipazione dei Consiglieri Comunali del CCR, di alcuni ragazzi dell'Istituto Leonardo da Vinci, e di Luciano Violante, ex Presidente della Commissione Nazionale Antimafia.
 
Riportiamo il discorso tenuto dal 𝗦𝗶𝗻𝗱𝗮𝗰𝗼 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗖𝗶𝘁𝘁𝗮̀ 𝗱𝗶 𝗢𝗿𝗯𝗮𝘀𝘀𝗮𝗻𝗼, 𝗖𝗶𝗻𝘇𝗶𝗮 𝗠𝗮𝗿𝗶𝗮 𝗕𝗼𝘀𝘀𝗼, in apertura della manifestazione:
 
"Onoriamo in questa giornata la memoria del giudice 𝗚𝗶𝗼𝘃𝗮𝗻𝗻𝗶 𝗙𝗮𝗹𝗰𝗼𝗻𝗲, di sua moglie 𝗙𝗿𝗮𝗻𝗰𝗲𝘀𝗰𝗮 𝗠𝗼𝗿𝘃𝗶𝗹𝗹𝗼 e dei tre agenti della scorta 𝗩𝗶𝘁𝗼 𝗦𝗰𝗵𝗶𝗳𝗮𝗻𝗶, 𝗔𝗻𝘁𝗼𝗻𝗶𝗼 𝗠𝗼𝗻𝘁𝗶𝗻𝗮𝗿𝗼 e 𝗥𝗼𝗰𝗰𝗼 𝗗𝗶𝗰𝗶𝗹𝗹𝗼 che proprio oggi, 30 anni fa, furono vittime di un vile attentato della mafia. Ma ricordiamo anche il giudice 𝗣𝗮𝗼𝗹𝗼 𝗕𝗼𝗿𝘀𝗲𝗹𝗹𝗶𝗻𝗼 e la sua scorta: 𝗔𝗴𝗼𝘀𝘁𝗶𝗻𝗼 𝗖𝗮𝘁𝗮𝗹𝗮𝗻𝗼, 𝗘𝗺𝗮𝗻𝘂𝗲𝗹𝗮 𝗟𝗼𝗶, 𝗩𝗶𝗻𝗰𝗲𝗻𝘇𝗼 𝗟𝗶 𝗠𝘂𝗹𝗶, 𝗩𝗮𝗹𝘁𝗲𝗿 𝗘𝗱𝗱𝗶𝗲 𝗖𝗼𝘀𝗶𝗻𝗮 e 𝗖𝗹𝗮𝘂𝗱𝗶𝗼 𝗧𝗿𝗮𝗶𝗻𝗮 che qualche mese dopo di quel lontano 1992 furono assassinati sempre ad opera della mafia.
𝗘’ 𝗻𝗲𝗰𝗲𝘀𝘀𝗮𝗿𝗶𝗼 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗶𝗻𝘂𝗮𝗿𝗲 𝗮 𝗺𝗮𝗻𝘁𝗲𝗻𝗲𝗿𝗲 𝗮𝗹𝘁𝗮 𝗹’𝗮𝘁𝘁𝗲𝗻𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝘀𝘂𝗶 𝘁𝗲𝗺𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗹𝗲𝗴𝗮𝗹𝗶𝘁𝗮’: servono continue testimonianze per non dimenticare, la lotta alla mafia non deve mai essere data per scontata, non bastano i proclami. 𝗟𝗮 𝗹𝗲𝗴𝗮𝗹𝗶𝘁𝗮’ 𝘃𝗮 𝗽𝗲𝗿𝘀𝗲𝗴𝘂𝗶𝘁𝗮 𝗼𝗴𝗻𝗶 𝗴𝗶𝗼𝗿𝗻𝗼, 𝗻𝗲𝗹𝗹𝗲 𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗾𝘂𝗼𝘁𝗶𝗱𝗶𝗮𝗻𝗲, 𝗲 𝗹𝗮 𝘀𝗶 𝗱𝗲𝘃𝗲 𝗽𝗲𝗿𝘀𝗲𝗴𝘂𝗶𝗿𝗲 𝗮𝘁𝘁𝗿𝗮𝘃𝗲𝗿𝘀𝗼 𝗹𝗮 𝗱𝗶𝗳𝗳𝘂𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗰𝘂𝗹𝘁𝘂𝗿𝗮, 𝗱𝗲𝗹 𝗿𝗶𝘀𝗽𝗲𝘁𝘁𝗼 𝘃𝗲𝗿𝘀𝗼 𝗶𝗹 𝗽𝗿𝗼𝘀𝘀𝗶𝗺𝗼, 𝗮𝘁𝘁𝗿𝗮𝘃𝗲𝗿𝘀𝗼 𝗹’𝗲𝗱𝘂𝗰𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗶𝗻 𝗴𝗲𝗻𝗲𝗿𝗮𝗹𝗲 𝗲 𝘃𝗲𝗿𝘀𝗼 𝗹’𝗮𝗺𝗯𝗶𝗲𝗻𝘁𝗲.
A tale proposito ringraziamo il presidio di Libera Orbassano “Francesca Morvillo” per l’importante lavoro svolto con i nostri giovani: come Amministrazione promuoviamo e supportiamo, anche finanziariamente, queste attivita’ che ogni anno coinvolgono scuole e ragazzi del territorio, con l’obiettivo di sensilbilizzare gli studenti e le famiglie su questi importanti temi.
𝗢𝗴𝗴𝗶, 𝗮 𝗿𝗶𝗰𝗼𝗿𝗱𝗼 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗿𝗶𝗼 𝗱𝗲𝗹 𝘁𝗿𝗲𝗻𝘁𝗲𝗻𝗻𝗮𝗹𝗲 𝗽𝗲𝗿 𝗹𝗲 𝘀𝘁𝗿𝗮𝗴𝗶 𝗺𝗮𝗳𝗶𝗼𝘀𝗲 𝗱𝗶 𝗖𝗮𝗽𝗮𝗰𝗶 𝗲 𝘃𝗶𝗮 𝗗’𝗔𝗺𝗲𝗹𝗶𝗼, 𝗽𝗿𝗲𝘀𝗲𝗻𝘁𝗶𝗮𝗺𝗼 𝗹𝗮 𝘁𝗮𝗿𝗴𝗮 𝗰𝗼𝗺𝗺𝗲𝗺𝗼𝗿𝗮𝘁𝗶𝘃𝗮 appositamente predisposta: 𝘂𝗻𝗼 𝘀𝘁𝗿𝘂𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝘀𝗶𝗺𝗯𝗼𝗹𝗶𝗰𝗼, 𝗰𝗵𝗲 𝗿𝗲𝘀𝘁𝗶 𝗮 𝘁𝗲𝘀𝘁𝗶𝗺𝗼𝗻𝗶𝗮𝗻𝘇𝗮 𝗲 𝗿𝗶𝗰𝗼𝗿𝗱𝗼 𝗽𝗲𝗿𝗲𝗻𝗻𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗺𝗲𝗺𝗼𝗿𝗶𝗮 𝗱𝗶 𝗰𝗼𝗹𝗼𝗿𝗼 𝗶 𝗾𝘂𝗮𝗹𝗶, 𝘃𝗶𝘁𝘁𝗶𝗺𝗲 𝗶𝗻𝗻𝗼𝗰𝗲𝗻𝘁𝗶, 𝗽𝗲𝗿𝗶𝗿𝗼𝗻𝗼 𝗶𝗻 𝗾𝘂𝗲𝗶 𝘁𝗿𝗮𝗴𝗶𝗰𝗶 𝗲𝘃𝗲𝗻𝘁𝗶 che sconvolsero l’intera nazione.
Presentiamo oggi, inoltre, l’𝗮𝗱𝗲𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗖𝗶𝘁𝘁𝗮’ 𝗱𝗶 𝗢𝗿𝗯𝗮𝘀𝘀𝗮𝗻𝗼 𝗮𝗹 𝗽𝗿𝗼𝗴𝗲𝘁𝘁𝗼 𝗻𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲 “𝗨𝗻 𝗮𝗹𝗯𝗲𝗿𝗼 𝗽𝗲𝗿 𝗶𝗹 𝗳𝘂𝘁𝘂𝗿𝗼”, 𝗽𝗿𝗼𝗺𝗼𝘀𝘀𝗼 𝗱𝗮𝗹 𝗠𝗶𝗻𝗶𝘀𝘁𝗲𝗿𝗼 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝘁𝗿𝗮𝗻𝘀𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗲𝗰𝗼𝗹𝗼𝗴𝗶𝗰𝗮 𝗶𝗻 𝗰𝗼𝗹𝗹𝗮𝗯𝗼𝗿𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗰𝗼𝗻 𝗶𝗹 𝗿𝗮𝗴𝗴𝗿𝘂𝗽𝗽𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗖𝗮𝗿𝗮𝗯𝗶𝗻𝗶𝗲𝗿𝗶 𝗽𝗲𝗿 𝗹𝗮 𝗕𝗶𝗼𝗱𝗶𝘃𝗲𝗿𝘀𝗶𝘁𝗮̀. Questo progetto prevede la duplicazione e distribuzione di alcune talee, piccole gemme derivate dall’Albero di Falcone, il famoso ficus che cresce nei pressi della casa del giudice assassinato dalla mafia.
Nel triennio 2020-2022 sono state donate e messe a dimora su tutto il territorio italiano circa 500mila piantine: questi alberi formano 𝘂𝗻 𝘃𝗲𝗿𝗼 𝗲 𝗽𝗿𝗼𝗽𝗿𝗶𝗼 “𝗴𝗿𝗮𝗻𝗱𝗲 𝗯𝗼𝘀𝗰𝗼 𝗱𝗶𝗳𝗳𝘂𝘀𝗼” formato dalle giovani piante distribuite in tutta italia. La talea del ficus di Falcone ci e’ stata consegnata circa un mese fa direttamente da un carabiniere incaricato: oggi ancora troppo piccola per essere messa a dimora, verra’ collocata a tempo debito in un luogo ancora da definire ma che vorremmo fosse una scuola, affinche’ 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗮 𝗽𝗶𝗮𝗻𝘁𝗶𝗻𝗮 𝗽𝗼𝘀𝘀𝗮 𝗲𝘀𝘀𝗲𝗿𝗲 𝘂𝗻 𝗲𝘀𝗲𝗺𝗽𝗶𝗼, 𝘂𝗻 𝘀𝗶𝗺𝗯𝗼𝗹𝗼 𝗱𝗶 𝗲𝗱𝘂𝗰𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗹𝗲𝗴𝗮𝗹𝗶𝘁𝗮’ 𝗮𝗺𝗯𝗶𝗲𝗻𝘁𝗮𝗹𝗲, 𝗻𝗲𝗰𝗲𝘀𝘀𝗮𝗿𝗶𝗮 𝗽𝗲𝗿 𝗹𝗮 𝗰𝘂𝘀𝘁𝗼𝗱𝗶𝗮 𝗲 𝗽𝗿𝗼𝘁𝗲𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗮𝗺𝗯𝗶𝗲𝗻𝘁𝗲, 𝗺𝗮 𝗮𝗻𝗰𝗵𝗲 𝗲 𝘀𝗼𝗽𝗿𝗮𝘁𝘁𝘂𝘁𝘁𝗼 𝘂𝗻 𝘀𝗶𝗺𝗯𝗼𝗹𝗼 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗶𝗺𝗽𝗲𝗴𝗻𝗼 𝘃𝗲𝗿𝘀𝗼 𝗹𝗼 𝘀𝘁𝗮𝘁𝗼 𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗹𝗼𝘁𝘁𝗮 𝗰𝗼𝗻𝘁𝗿𝗼 𝗹𝗲 𝗺𝗮𝗳𝗶𝗲, a cui da sempre tende il nostro operato quotidiano e che mai ci vedrà desistere."