Uffici comunali

home > uffici comunali > Ambiente > informazioni di carattere entomologico e fitologico

Informazioni di carattere entomologico e fitologico

A cura del Dott. Agronomo Francesco Gallo


INSETTI


Artropodi di interesse sanitario
Ragni - danni neurotossici o citotossici
ragni pericolosi
  • - Latrodectus tredecimguttatus (Rossi, 1790) (fam. Theridiidae) - (vedova nera o malmignatta)
  • - Loxosceles rufescens (Dufour, 1820) (famiglia Loxoscelidae) - (il ragno violino)
  • - Cheiracanthium punctorium (Villers, 1789) (famiglia Clubionidae) - (ragno dal sacco giallo)
  • - Lycosa tarentula (Linnaeus, 1758) (famiglia Lycosidae) - (la tarantola)
» Artropodi di interesse sanitario - RAGNI [pdf | 651KB]


Cimice asiatica
cimice asiatica
» Cimice asiatica (Halyomorpha halys) [pdf | 156KB]
» Vademecum Cimice asiatica [pdf | 227KB]


Processionaria Del Pino - Processionaria Della Quercia - Hyphantria Cunea
processionaria del pino
» Differenze tra Ifantria o bruco americano (non pericolosa) e Processionaria (caratteristica urticante)

La lotta alla processionaria è obbligatoria su tutto il territorio nazionale "nelle aree in cui le strutture regionali individuate per le finalità di cui al decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 214, competenti per territorio, hanno stabilito che la presenza dell’insetto minacci seriamente la produzione o la sopravvivenza del popolamento arboreo” ai sensi del DM 30 ottobre 2007.


Zanzara tigre
zanzara tigre
La zanzara tigre (nome scientifico Aedes albopictus) si distingue dalla zanzara comune essenzialmente per la colorazione: l'adulto è nero con striature bianche su tutto il corpo, in particolare sulle zampe, sul torace e sul capo. Le dimensioni sono comprese tra i 4 e i 10 mm a seconda di quanto ha potuto nutrirsi la larva. E' una specie originaria delle foreste tropicali del sud-est asiatico, da dove nel corso di pochi decenni ha colonizzato buona parte delle regioni temperate e tropicali.
La sua diffusione è principalmente dovuta al trasporto accidentale di uova deposte all'interno di manufatti oggetto di commerci internazionali, come i copertoni usati.
» Zanzara tigre [pdf | 81KB]

Il Comune di Orbassano partecipa annualmente al Progetto regionale di Lotta alle zanzare cofinanziato dalla Regione Piemonte in base a quanto prevede la Legge della Regione Piemonte 24 ottobre 1995, n. 75 (L.R. 75/95).



VESPA CRABRO, VESPA ORIENTALIS E VESPA VELUTINA - CONOSCERLI E RICONOSCERLI


vespe

» https://agronotizie.imagelinenetwork.com/zootecnia/2018/10/04/calabroni-conoscerli-e-riconoscerli/60236


COME SEGNALARE LA PRESENZA E COSA FARE:

» http://www.stopvelutina.it/cosa-fare/


COSTRUIRE UNA TRAPPOLA:

trappola vespe

» http://www.stopvelutina.it/richiedi-una-trappola/



INSETTI UTILI


Differenza tra api, vespe, calabroni
insetti utili
  • - le api tendono ad attaccare solo se avvertono un reale pericolo (Quando l’ape punge, conficcato il dardo , la lancetta rimane conficcata. Ad esso è collegato l’apparato digerente che vi resta attaccato al distacco dell’animale, causando la morte dell’ape)
  • - le vespe e i calabroni sono più aggressivi e possono pungere più volte
  • - i bombi sono invece poco aggressivi



Impollinatori
Si definiscono insetti pronubi o impollinatori, quegli insetti che trasportano il polline da un fiore all'altro permettendo l'impollinazione e la conseguente formazione del frutto.

Andrena Fabricius(impollinatori con nido in terra)
andrena-fabricius

» Andrena Fabricius [pdf | 286KB]

Bombi impollinatori (Bombus terrestris)
bombi impollinatori


Api (Apis mellifera)
ape


Farfalle diurne
farfalle diurne


PREDATORI DI AFIDI

Chrysoperla Carnea
Allo stadio larvale la C. Carnea, con il caratteristico apparato boccale a forcipe, è un attivo predatore. chrysoperla carnea


Coccinelle
adalia bipunctata
coccinella septempunctata
hippodamia variegata
Propylea quatuordecimpunctata
Harmonia axyridis


PIANTE CON ALTO POTERE ALLERGENICO


Ambrosia artemisiifolia
Ambrosia artemisiifolia
» Ambrosia artemisiifolia, differenza con specie simili [pdf | 286KB]

» Ordinanza n. 53 del 05/05/11


bannerdivieto raccolta funghi

» Per sapere se i funghi raccolti si possono mangiare rivolgiti al Centro Micologico più vicino! [pdf | 717KB]